Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Scambi di cortesie in Commissione Affari Costituzionali del Senato

Pubblicato il 06/04/2017 & archiviato in In evidenza, Politica
senato-repubblica

senato-repubblica

Quanto accaduto ieri in Commissione Affari Costituzionali del Senato è il classico “incidente” di percorso di cui tutti sono consapevoli e che nessuno vuole evitare. Anzi, di fatto lo ricerca per dare la colpa agli avversari politici.

I fatti in breve.

Con la nascita del Governo Gentiloni (dicembre), la Commissione rimane senza guida dal momento che la Presidente Anna Finocchiaro viene nominata Ministro per i Rapporti con il Parlamento.

Dopo mesi di stallo si arriva alla votazione per nominare il successore.

Perché il passaggio non è ininfluente. E’ la Commissione Affari Costituzionali ad avere la competenza in materia elettorale. Tema caldo ed attuale. Tanto più che in Senato i numeri della maggioranza sono ridotti all’osso. La presidenza della Commissione assume un ruolo cruciale per determinare tempi ed indirizzi della discussione.

La scelta della maggioranza ricade sul Senatore Giorgio Pagliari (PD), renziano.

Invece, ieri pomeriggio, a sorpresa (!?!) viene eletto Salvatore Torrisi (Alleanza Popolare, cioè Alfano), vicepresidente della Commissione, che in questi mesi di “vacatio” aveva svolto egregiamente il ruolo di Presidente supplente.

Lo hanno votato certamente tutte le opposizioni ma è evidente che qualche tradimento nelle file della maggioranza c’è stato.

I dubbi maggiori sono sugli esponenti di AP (due) e degli scissionisti PD (due), visto che la totalità degli esponenti del PD in Commissione sono renziani.

 

Ovviamente gli interessati ribattono inorriditi accusando il PD di aver creato ad arte lo scontro.

E qui si passa alla fantapolitica.

Secondo la quale, il PD  non avrebbe apprezzato le ultime alzate di testa dei centristi che hanno chiesto, ed ottenuto, un incontro con il Premier Gentiloni, preoccupati da possibili scelte politiche “troppo di sinistra”.

Non c’è da ridere è tutto vero! L’incontro c’è stato.

A quel punto il PD decide a tavolino di boicottare l’elezione del suo candidato per creare ad arte un incidente e rimettere a posto il riottoso alleato.

Comunque sia il risultato politico è significativo.

In quest’ottica si spiegano le reazioni furibonde degli esponenti PD di ieri sera. E i timori di Gentiloni, che ha subito spinto Alfano ad intervenire e a chiedere al neo presidente di fare marcia indietro.

Richiesta che, al momento, è stata rispedita al mittente.

Perché ormai sul tema elettorale la battaglia non è più tra partiti o coalizioni. E’ tra due schieramenti: quelli che sostengono il maggioritario e quelli che sostengono il proporzionale.

Il nuovo Presidente della Commissione è un proporzionalista.

Così come la maggioranza che lo ha eletto.

Non controllare la Presidenza della Commissione rende più difficile la partita non solo per Renzi ma per tutti coloro che vorrebbero mantenere la prossima legge elettorale nell’ambito del maggioritario.

La partita non si chiude con il voto di ieri pomeriggio.

 

 

 

 

 

 

Vent'anni da sporco lobbista

Vent'anni da sporco lobbista

Da quando ho cominciato a fare il lobbista, forse. Ritagli di giornali, discorsi a convegni, appunti in varie moleskine dalla copertina ormai consunta, file di testo, che mi trasferivo da un computer ad un altro... In queste pagine ho cercato di condensare una serie di riflessioni su ormai vent'anni di vita professionale.

Ultimi post dal blog

Diapositiva1

Prima analisi delle primarie

  Ieri mattina, nella nostra riunione settimanale, abbiamo giocato un pochino con i numeri delle primarie PD, facendo un confronto con quelle precedenti del 2013. Ovviamente con la premessa che qualsiasi confronto è assolutamente arbitrario perché le due consultazioni si sono svolte in condizioni politiche completamente diverse. Qualche annotazione: 1) il bacino degli iscritti si è […]

(FILES) A file photo taken on April 24, 2009 shows the European Union flag and national flags in front of the European Parliament in Strasbourg, eastern France. The Nobel Peace Prize was on October 12, 2012 awarded to the European Union, an institution currently wracked by crisis but is credited with bringing more than a half century of peace to a continent ripped apart by World War II.
 AFP PHOTO / FREDERICK FLORIN

Il Parlamento Europeo verso un sistema più rigido di regole sul lobbying

La Commissione Affari Costituzionali del Parlamento Europeo, la scorsa settimana, ha approvato un progetto di relazione presentato dal parlamentare Sven Giegold (Verdi) sulla “trasparenza, la responsabilità e l’integrità nelle istituzioni dell’UE“. In sintesi, si tratta di un’iniziativa del Parlamento volta a disciplinare i rapporti con i lobbisti, che, una volta approvata dall’Assemblea, sarà poi inviata a Consiglio […]

Chi sono

Fabio Bistoncini

Fabio Bistoncini è fondatore e partner di FB e Associati, società nata nel 1996, che si occupa di advocacy e lobbying. Docente in Master e Corsi di Laurea, autore di numerosi articoli. Dal 2003 al 2007 è stato Vice Presidente FERPI. È autore del libro "Vent'anni da sporco lobbista" (Guerini e Associati, 2011).