Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Post referendum

Pubblicato il 06/12/2016 & archiviato in In evidenza, Politica
2016-12-06-photo-00000027

2016-12-06-photo-00000027

Questa mattina lunga riunione in FB & Associati per discutere più nel dettaglio le conseguenze dei risultati del referendum.

Analisi del voto, conseguenze politiche, opzioni in campo.

Un puzzle variegato, insomma.

1) La legge di stabilità viene chiusa in due giorni al Senato. Senza discussioni e soprattutto senza modifiche rispetto al testo della Camera.  Ironia della sorte il voto referendario ha prodotto come effetto sulla legge più importante dello Stato il superamento del bicameralismo paritario!

2) Le dimissioni di Renzi si “scongelano” dunque domani, con il voto del Senato. Il premier si presenterà così alla direzione del PD non più in carica. Un segnale importante. Domani ne vedremo delle belle. Anche perché si confronteranno maggioranza renziana (con le sue componenti) e minoranza sostenitrice del NO. Visioni opposte e difficilmente conciliabili. Insomma la diretta della Direzione PD è da seguire con i pop corn in mano, come una delle migliori puntate di House of Cards…

3) Quando si vota. 5 Stelle, Lega e Fratelli d’Italia spingono per il voto nei primi mesi dell’anno prossimo. Sulla stessa linea Matteo Renzi e NCD. Ma gli altri centristi, minoranza PD e Forza Italia sembrerebbero favorevoli ad un Governo di scopo con un orizzonte temporale più lungo. Febbraio, Marzo ? Possibili anche se difficili (vedi punto sotto). Aprile? Oppure maggio visto che è già prevista una tornata di Amministrative.

4) Con che legge si voterà. Attualmente abbiamo un sistema ibrido. Alla Camera l’Italicum e al Senato il c.d. “Consultellum” e cioè il vecchio “Porcellum” modificato nel 2014  dalla Corte costituzionale cha ne ha dichiarato l’illegittimità parziale, annullando il premio di maggioranza e introducendo la possibilità di esprimere un voto di preferenza. Sempre la Corte Costituzionale ha fissato per l’udienza del 24 gennaio 2017 la discussione sulle eccezioni di costituzionalità sollevate sull’Italicum. In linea teorica si dovrebbe aspettare la sentenza della Corte e, sulla base dei principi fissati in essa, definire anche la legge per il Senato della Repubblica, rendendo così omogenee le due modalità d’elezione. L’alternativa (andare al voto senza aspettare la decisione della Consulta) rischierebbe di eleggere un Parlamento senza una maggioranza in grado di governare che verrebbe ulteriormente delegittimato in caso in cui la Corte sancisca l’eventuale incostituzionalità dell’Italicum o di alcune delle sue parti.

Stay tuned.

 

 

Vent'anni da sporco lobbista

Vent'anni da sporco lobbista

Da quando ho cominciato a fare il lobbista, forse. Ritagli di giornali, discorsi a convegni, appunti in varie moleskine dalla copertina ormai consunta, file di testo, che mi trasferivo da un computer ad un altro... In queste pagine ho cercato di condensare una serie di riflessioni su ormai vent'anni di vita professionale.

Ultimi post dal blog

2016-12-05-photo-00000378

Autoironia indotta

  I miei amici continuano ad infierire sulla sconfitta di domenica scorsa…. Sentitamente ringrazio.

referendum-4-dicembre-680x366

Italia NO

La democrazia è un bellissima cosa. Anche quando ti sbatte in faccia un voto come quello di ieri che non risponde alle tue speranze ed aspettative. Io ero (e sono) per il SI. Ha vinto, invece, nettamente il NO. La democrazia  una bellissima cosa. Me lo sono ripetuto costantemente durante il lungo pomeriggio quando mi arrivavano […]

1423055794_ebook

Essere dalla parte del giusto…

  Due anni fa, esattamente in questi giorni, stavamo festeggiando la decisione del Governo Renzi di abbassare l’aliquota IVA sui libri elettronici al 4%, adeguandola a quella degli omologhi cartacei. Nonostante il rischio di una procedura d’infrazione, il Ministro dei beni e delle attività culturali Dario Franceschini presentò un emendamento alla legge di stabilità. Un atto […]

Chi sono

Fabio Bistoncini

Fabio Bistoncini è fondatore e partner di FB e Associati, società nata nel 1996, che si occupa di advocacy e lobbying. Docente in Master e Corsi di Laurea, autore di numerosi articoli. Dal 2003 al 2007 è stato Vice Presidente FERPI. È autore del libro "Vent'anni da sporco lobbista" (Guerini e Associati, 2011).