Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 31/03/2016 & archiviato in In evidenza, Politica

La versione di Ignazio

132249709-a1422a29-5cf5-4230-9cbf-3e6e0197a237

Quindi, secondo quanto scritto nel libro e quanto dichiarato nella sua presentazione di ieri, sarebbe andata così:

il primo responsabile della sua defenestrazione è Matteo Renzi con l’aiuto delle lobby (e te pareva, come diciamo a Roma).

Quando sono diventato sindaco Roma era in una situazione drammatica, bisognava sganciarla dalle lobby, ma Renzi preferisce sedersi a tavola con le lobby.

Non solo, ma il mandante della sua caduta (sempre Renzi) non è stato eletto da nessuno (evidentemente il voto di fiducia ottenuto dal Governo in Parlamento per Marino non conta) mentre lui, il Sindaco, è stato eletto da centinaia di migliaia di romani.

Una lesione della democrazia considerata con preoccupazione da tutte le cancellerie europee.

Immaginiamo le telefonate concitate tra Hollande, Merkel e Cameron sulla caduta della giunta capitolina.

Parole di fuoco contro il PD, nazionale e cittadino. Che prima ha tentato di condizionarlo suggerendo nomi e pratiche discutibili.

Se avessi seguito tutti i consigli del Pd forse mi avrebbero messo in cella di isolamento.

E poi avrebbe indicato, nel rimasto della Giunta, persone che si sono rivelati dei “guastatori” con l’obiettivo di boicottare la sua amministrazione.

Mi sono fidato dei consigli di Matteo Orfini che sosteneva di averne discusso con il capo del governo. Io ho condiviso questa scelta e me ne assumo la responsabilità, non mi aspettavo che alcuni degli assessori nominati fossero arrivati lì con il compito di guastatori.

Insomma una ricostruzione dei fatti leggermente rancorosa.

Non penso che comprerò il libro…

 

Post correlati

Lascia un commento