Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 13/04/2018 & archiviato in In evidenza, Lobbying

Le audizioni di Mark

Immagine

Le audizioni di famosi CEO sono merce abbastanza rara nel “mercato” politico americano.

Soprattutto quelle delle grandi aziende hitech.

E’ comprensibile quindi che quella di Mark Zuckerberg, fondatore e amministratore delegato di Facebook, chiamato a testimoniare questa settimana sul controverso caso di Cambridge Analytica, abbia generato un vero e proprio picco d’attenzione.

Anche perché avveniva dopo una quindicina di giorni abbastanza pesanti per Facebook, chiamata a fronteggiare un crescente coro di critiche, richieste di maggiori informazioni, minacce d’intervento legislativo, tutte provenienti dal mondo politico ed istituzionale.

Troppe per poter essere gestite soltanto attraverso la comunicazione aziendale.

E così, abbandonato l’abbigliamento nerd (jeans, t-shirt e ciabatte) il giovane Zuckerberg ha indossato un bel completo scuro, l’immancabile camicia bianca ed una seriosa cravatta tinta unita ed è volato a Washington per sottoporsi a un vero e proprio tour de force di tre giorni.

Il primo incentrato su incontri one to one, anticipando alcuni dei temi che avrebbe trattato nei giorni successivi.

Il secondo e il terzo dedicati alle due audizioni “fiume”:

5 ore davanti alla Commissione per l’energia e il commercio del Senato;

altrettante il giorno dopo davanti all’omologa commissione della Camera dei Rappresentanti.

Il tutto di fronte a decine e decine di giornalisti ed in diretta televisiva trasmessa dai più importanti network americani.

I commentatori politici che le hanno seguite sono abbastanza unanimi.

Come spesso accade in questo genere di occasioni il dibattito non è stato particolarmente effervescente.

Ovviamente il tema della privacy e delle modalità con cui l’azienda gestisce i dati dei propri utenti è stato l’argomento principale, attorno al quale si sono focalizzati la maggior parte degli interventi.

In questo frangente (ma non solo) molti membri del Senato hanno dimostrato, con loro domande e durante il dibattito, una superficiale se non scarsa conoscenza di Facebook e dei social network.

Spesso si è rimasti sul vago e la strategia difensiva di Zuckerberg ha funzionato molto bene. Apprezzabile inoltre il self control dimostrato nel cercare di rispondere, senza offendere gli interlocutori, a domande veramente banali o talmente fumose da essere poco comprensibili.

Di diverso tenore l’audizione alla Camera dei Rappresentanti dove il dibattito è stato più “pepato”: domande più stingenti, cattive, interruzioni, richieste di ulteriori spiegazioni. Qui è apparso meno sicuro, a volte costretto sulla difensiva, disponibile ad aperture su una possibile futura regolamentazione del tema.

Nel complesso Zuckerberg ha superato l’esame, un vero e proprio rito di passaggio di ogni grande CEO. L’azienda da lui fondata e diretta è ormai troppo grande, importante, pervasiva per non essere presente nell’arena di policy.

Al riguardo il lavoro svolto dal team di lobbisti e di legali nei giorni immediatamente precedenti ha prodotto i suoi frutti. Un lavoro certosino ed accurato, fatto di predisposizione di una moltitudine di domane (dalle più banali a quelle più cattive), l’elaborazione delle conseguenti risposte. Il tutto accompagnato dalla simulazione delle audizioni con svariati consulenti nel ruolo dei membri del Congresso.

Archiviato questo passaggio resta da chiedersi: what’s next?

In questo caso i commentatori sono abbastanza discordi. Alcuni ipotizzano l’avvio di una fase regolatoria prendendo esempio dalla nuova normativa europea sulla privacy. Non a caso citata durante le audizioni.

Secondo altri invece tutto rimarrà più o meno come prima, con l’azienda che predisporrà nuove linee guida interne per la gestione dei dati dei propri utenti ma senza un intervento legislativo che la obblighi a farlo.

Resta da verificare l’atteggiamento degli altri giganti hitech: ad esempio Apple che si è subito posizionata affermando che la privacy sia considerata e quindi tutelata come un diritto universale.

Ultima considerazione. Se ancora ce ne fosse stato bisogno questi tre giorni hanno mostrato la distanza e il rapporto complicato tra due mondi: quello dell’innovazione (giovane, posizionato nella Silicon Valley, che corre veloce) e quello della politica (più vecchio, collocato a Washington, che lavora con ritmi più lenti).

Ma questo non è certamente una novità.

Post correlati

Lascia un commento